Dr Giorgio Del Gobbo
Dr Giorgio Del Gobbo | Traumatologia e Riabilitazione

alterazioni della spongiosa vertebrale alla RM

Marzo 6th, 2011 by admin

zj40070809250001.gif

Ho avuto recentemente modo di parlare con degli amici radiologi che mi hanno confidato come le potenzialità della RM osteo – articolare siano di fatto solo parzialmente sfruttate. Come esempio mi hanno parlato delle alterazioni reattivo – degenerative di corpi vertebrali adiacenti causate probabilmente da una discopatia. Modic ha fatto una classificazione precisa di ciò che la RM può vedere con le sequenze standard a livello dell’ osso in questione ed ha riscontrato 3 tipi di alterazione: il primo sicuramente testimone di patologia acuta o subacuta, gli altri due visibili in corso di patologia cronica, quando già ci sono state modificazioni del midollo. Quasi mai questa anomalia viene refertata ed alla mia domanda sul motivo mi rispondono che mai il clinico formula una precisa richiesta a riguardo, che il radiologo il paziente neanche lo vede e che in pratica si cerca sempre la stessa cosa: la presenza o meno di un’ ernia. A questo punto il refertatore si interroga sul possibile significato clinico di un’ alterazione che probabilmente non interessa e allora tanto vale non cercarla e comunque non segnalarla. Certamente non è vero! Pur non essendoci ancora una letteratura ampia in proposito tutti coloro che se ne sono occupati concordano nell’ inquadrare le anomalie midollari dei corpi vertebrali come indice certo di patologia discale ed in particolare il tipo 1 si correla quasi sempre con una clinica algico – disfunzionale importante. Io credo (l’ho già scritto) che il rapporto con il radiologo sia determinante in questo come in tanti altri casi per ottenere risposte significative da un esame come la RM che spesso, proprio per mancanza di un confronto, non ne dà!

Ho inserito un articolo su questa patologia; è in inglese, ma purtroppo non ne ho trovati così completi in italiano. –  CLICCA QUI per il DONWLOAD

Posted in traumatologia e rieducazione

One Response

  1. Umberto Donati

    Perfettamente d’accordo!
    doi: 10.1007/s00586-013-2675-y

Leave a Comment

Please note: Comment moderation is enabled and may delay your comment. There is no need to resubmit your comment.